Il pilastro europeo dei diritti sociali: un veicolo chiave per migliorare la salute di tutti

Costruire un'Unione più inclusiva ed equa è una priorità fondamentale per la Commissione europea (CE). Nel marzo 2016 la CE ha presentato una bozza preliminare del pilastro europeo dei diritti sociali e ha avviato un'ampia consultazione pubblica. Un anno dopo, la CE ha pubblicato la sua proposta finale per il pilastro europeo dei diritti sociali. Il pilastro stabilisce una serie di principi e diritti fondamentali per sostenere mercati del lavoro e sistemi di protezione sociale equi e ben funzionanti e strutture economiche più resilienti. Il Pilastro è concepito come una bussola per un rinnovato processo di convergenza verso migliori condizioni di lavoro e di vita. È concepito principalmente per l'area dell'euro, ma è aperto a tutti gli Stati membri dell'UE.

L'EPSR, una volta attuato, porterà a una riduzione delle disuguaglianze sanitarie – le ingiuste ed evitabili differenze di salute tra i gruppi di popolazione. Circa il 90% delle disuguaglianze sanitarie può essere spiegato dall'insicurezza finanziaria, dall'esclusione sociale, dalla mancanza di un lavoro dignitoso e da cattive condizioni di lavoro, nonché da alloggi di scarsa qualità[i]. Queste sono le aree esatte coperte anche dall'EPSR. L'accesso a un'assistenza sanitaria di qualità rappresenta solo circa il 10% delle differenze nello stato di salute tra i diversi gruppi socioeconomici.

Trova la scheda qui

Tipologia
EuroHealthNet, documento dell'organo statutario governativo / istituzionale / della sanità pubblica, analisi delle politiche e delle politiche
Tema
Occupazione, salute sul lavoro, educazione degli adulti, occupazione giovanile, sicurezza finanziaria, protezione sociale, inclusione sociale, accesso alle cure, povertà, governance, salute in tutte le politiche, economia del benessere, valutazione dell'impatto sulla salute, sviluppo sostenibile
Paese
Europa
Anno
2020


Torna al database