Istituzioni dell'UE

La pandemia di COVID-19 ha posto la salute in cima all'agenda europea. È chiaro che un approccio internazionale alla salute pubblica è essenziale. L'Unione europea aiuta gli Stati membri a migliorare e proteggere la salute pubblica, nonché a collaborare per affrontare problemi e minacce comuni. Reagendo alla pandemia e alla crisi, l'UE ha adottato diverse nuove iniziative e ha messo a disposizione finanziamenti per limitare la diffusione del virus e facilitare una ripresa rapida e sostenibile dalla crisi. Ma quali sono esattamente le diverse istituzioni dell'Unione europea e come aiutano a migliorare l'equità sanitaria in Europa?


 


Trattati europei e salute

Il trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE, trattato di Lisbona) fornisce una base giuridica per la politica sanitaria dell'UE e la ripartizione delle competenze e delle responsabilità in materia di salute pubblica tra l'UE ei suoi Stati membri. L'UE ha un ruolo importante da svolgere nel miglioramento della salute pubblica, nella prevenzione e nella gestione delle malattie, nell'attenuazione delle fonti di pericolo per la salute umana e nell'armonizzazione delle strategie sanitarie tra gli Stati membri.

La politica sanitaria dell'UE ha tre obiettivi strategici:

  1. Promuovere una buona salute.
  2. Proteggere i cittadini dalle minacce alla salute
  3. Supportare i sistemi sanitari dinamici

Per conseguire tali obiettivi, il trattato stabilisce quattro settori principali che affrontano esplicitamente la salute da un punto di vista giuridico:

  • Articolo 168: Sanità pubblica (tutela della salute pubblica e promozione della salute)
  • Articolo 114: Ravvicinamento delle leggi (allineamento delle leggi nazionali per conformarsi al diritto dell'UE)
  • Articolo 191: Ambiente (protezione della salute umana)
  • Articoli 153, 156: Politica sociale (tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali)
  • Articolo 169: Tutela dei consumatori (tutela della salute e sicurezza dei consumatori)
  • Articolo 9: stabilisce un principio per la definizione e l'attuazione delle politiche e delle attività dell'UE per "tenere conto dei requisiti legati alla promozione di un alto livello di occupazione, alla garanzia di un'adeguata protezione sociale, alla lotta contro l'esclusione sociale e ad un alto livello di istruzione, formazione e tutela della salute umana. "

L'azione dell'UE nel campo della salute integra le politiche e le iniziative nazionali per garantire la protezione della salute in tutte le politiche dell'UE (un approccio "Salute in tutte le politiche"). Tuttavia, come stabilito nel trattato di Lisbona, gli Stati membri dell'UE hanno la responsabilità primaria di organizzare i sistemi sanitari nazionali e per la fornitura di assistenza sanitaria.

Attraverso la strategia "Salute per la crescita" e il suo programma d'azione (2014-2020), nonché un corpus di diritto derivato, l'UE ha attuato con successo una politica sanitaria globale. Il Programma EU4Health continuerà a fornire finanziamenti 2021-2027.

 

 

Riferimenti e ulteriori informazioni:

 


"Tutti i cittadini europei hanno lo stesso diritto alla salute. Le risorse di NextGenerationEU saranno quindi mirate alla resilienza dei nostri sistemi sanitari".

Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, Discorso del Comitato delle regioni 2020

Commissione europea

Il progetto Commissione europea promuove l'interesse generale dell'UE proponendo e applicando la legislazione. Attua le decisioni del Parlamento europeo e del Consiglio dell'UE. Funge anche da custode dei trattati, nonché del modo in cui vengono spesi il bilancio e i finanziamenti dell'UE. La Commissione è composta da un gruppo di Commissari, uno per ogni Stato membro. È organizzato in dipartimenti noti come direzioni generali (DG).

Nel 2013 la Commissione Europea ha pubblicato il suo 'Rapporto sulle disuguaglianze sanitarie nell'Unione europea'. La relazione descrive le principali azioni che la Commissione ha intrapreso tra il 2000 e il 2013 per attuare il 2009 Comunicazione "Solidarietà nella salute: ridurre le disuguaglianze sanitarie nell'UE". La presente comunicazione illustra le azioni della Commissione in quel momento per affrontare le disuguaglianze sanitarie. È stato rilasciato dalle direzioni generali della Commissione per la salute e la sicurezza alimentare (DG SANTE) e per l'occupazione, gli affari sociali e l'inclusione (DG EMPL).

Ulteriori comunicazioni della Commissione su "Investire nella salute '(2013) e su 'Sistemi sanitari efficaci, accessibili e resilienti' (2014) aveva le disuguaglianze sanitarie come uno degli obiettivi (in)diretti. Ogni due anni, la Commissione europea e l'Organizzazione per la cooperazione economica e sociale (OCSE) pubblicano studi e rapporti "Salute in sintesi: stato della salute nell'UE" che descrivono le disuguaglianze sanitarie.

Dal 2013 non è stata pubblicata alcuna relazione o comunicazione della Commissione sulle disuguaglianze sanitarie. Tuttavia, alla luce della crisi COVID-19, la Commissione europea sta lavorando per costruire una forte Unione europea della sanità. Il suo obiettivo è proteggere meglio la salute dei cittadini europei, dotare l'UE e i suoi Stati membri di prevenire e affrontare meglio le future pandemie e migliorare la resilienza dei sistemi sanitari europei.

Direzione generale della Salute e della sicurezza alimentare - DG SANTE

DG SANTE sviluppa e realizza le politiche della Commissione in materia di sicurezza alimentare e salute pubblica. Ha sviluppato un file pagina web specifica sui determinanti sociali e le disuguaglianze sanitarie.

La DG SANTE ha istituito un Gruppo direttivo sulla promozione della salute, prevenzione delle malattie e gestione delle malattie non trasmissibili nel 2016. Il gruppo direttivo è composto da un membro per Stato membro. Fornisce consulenza alla Commissione europea sullo sviluppo delle sue attività. Supporta inoltre gli Stati membri nel raggiungimento degli obiettivi globali volontari dell'ONU/OMS sulle malattie non trasmissibili e degli obiettivi di sviluppo sostenibile facilitando l'attuazione delle migliori pratiche basate sull'evidenza nei paesi dell'UE.

Il progetto Piattaforma della politica sanitaria dell'UE riunisce organizzazioni ombrello che rappresentano le parti interessate europee nei settori della salute pubblica e dell'assistenza sanitaria. Serve come strumento per discutere, condividere conoscenze e buone pratiche. La piattaforma facilita il lavoro di gruppi di esperti e Azioni congiunte. Facilita inoltre il lavoro delle reti tematiche che riuniscono le organizzazioni delle parti interessate per lavorare su argomenti specifici. Queste reti producono dichiarazioni congiunte per guidare il lavoro della Commissione.

La DG SANTE e la sua agenzia esecutiva sono responsabili della definizione dei programmi di lavoro annuali attraverso i quali vengono attuate le priorità dell'UE e le azioni relative alla salute, con l'aiuto di vari meccanismi e programmi di finanziamento dell'UE, in particolare il programma sanitario dell'UE. Il più recente programma per la salute dell'UE, EU4Health, sarà implementato tra il 2021 e il 2027 (vedere la sezione sui finanziamenti dell'UE).

Direzione generale per l'Occupazione, gli affari sociali e l'inclusione - DG EMPL

Essere attivi nei settori dell'occupazione, degli affari sociali e dell'inclusione, DG IMPIEGOIl suo lavoro tocca molti dei determinanti della salute.

Uno strumento importante che funge da bussola per come e in quale direzione l'UE dovrebbe orientare le sue politiche di inclusione sociale è il Pilastro europeo dei diritti sociali. Il pilastro contiene Principi 20 organizzato in tre capitoli: pari opportunità e accesso al mercato del lavoro; condizioni di lavoro eque; protezione sociale e inclusione. Il Principio 16 del Pilastro si riferisce alla salute: "Ogni individuo ha diritto a un accesso tempestivo a un'assistenza sanitaria economica, preventiva e curativa di buona qualità". Nel 2020 la Commissione Europea ha emesso un Comunicazione su "Un'Europa sociale forte per transizioni giuste, delineando gli elementi costitutivi per realizzare solide basi per i diritti sociali nell'UE.

 

Investire sociale significa investire nelle persone. Le politiche si concentrano sul rafforzamento delle abilità e delle capacità delle persone e sul loro sostegno a partecipare pienamente all'occupazione e alla vita sociale. I sistemi di protezione sociale sono sistemi che aiutano le persone a soddisfare i bisogni della vita e proteggono loro e le loro famiglie dai rischi.

La Commissione europea sostiene e integra le politiche degli Stati membri nei settori dell'inclusione sociale e della protezione sociale. Sono disponibili ulteriori informazioni sul lavoro della Commissione in materia di protezione sociale e inclusione qui.

Il progetto Strategia europea per l'occupazione (SEO) è un insieme di obiettivi e traguardi comuni per la politica dell'occupazione. Il suo obiettivo principale è la creazione di nuovi e migliori posti di lavoro in tutta l'UE. Fa parte di Strategia di crescita europea 2020 ed è implementato tramite Semestre europeo.

Ogni lavoratore dell'UE ha un certo minimo diritti sul lavoro. Si tratta di salute e sicurezza sul lavoro, pari opportunità per donne e uomini, protezione contro la discriminazione, diritto del lavoro.

Oggi gli sviluppi tecnologici, i cambiamenti globali e demografici cambiano le competenze di cui abbiamo bisogno nel modo in cui lavoriamo, apprendiamo, partecipiamo alla società e conduciamo la nostra vita quotidiana. Avere le giuste competenze è importante affinché le persone si adattino a questi cambiamenti e garantiscano il proprio benessere contribuendo nel contempo alla società, alla produttività e alla crescita economica. Il Agenda europea delle competenze del 1 ° luglio 2020 stabilisce un piano d'azione quinquennale con 12 azioni per aiutare le persone in Europa a disporre di migliori competenze.

Il progetto Programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) è uno strumento di finanziamento a livello dell'UE per promuovere un alto livello di qualità e un'occupazione sostenibile. Garantisce una protezione sociale adeguata e dignitosa, combattendo l'esclusione sociale e la povertà e migliorando le condizioni di lavoro.

Il progetto Fondo sociale europeo (FSE) è il principale strumento europeo per sostenere l'occupazione, aiutare le persone a trovare posti di lavoro migliori e garantire opportunità di lavoro più eque a tutti i cittadini dell'UE. Funziona investendo nel capitale umano dell'Europa: i suoi lavoratori, i suoi giovani e tutti coloro che cercano un lavoro. Sta migliorando le prospettive di lavoro per milioni di europei, in particolare per coloro che hanno difficoltà a trovare lavoro.

Scopri di più sui finanziamenti dell'UE qui.

Esistono molte altre politiche dell'UE che affrontano direttamente o indirettamente le disuguaglianze sanitarie. Puoi trovare questi esempi nel nostro database delle risorse.


 

Parlamento europeo

Il progetto Parlamento europeo (EP) rappresenta gli interessi delle persone riguardo al processo legislativo dell'UE. I membri del Parlamento europeo (MEP) sono eletti direttamente dagli elettori in tutti gli Stati membri. È un forum importante per il dibattito politico e il processo decisionale a livello dell'UE e per garantire che le altre istituzioni dell'UE funzionino in modo democratico.

Il Parlamento è un colegislatore, ha il potere di adottare e modificare la legislazione e decide sul bilancio annuale dell'UE su un piano di parità con il Consiglio. Supervisiona il lavoro della Commissione e di altri organi dell'UE e collabora con i parlamenti nazionali dei paesi dell'UE per ricevere il loro contributo. È organizzato attorno a vari domini politici, molti dei quali sono di (id) rilevanza diretta per le disuguaglianze sanitarie.

Il Parlamento europeo Comitato ENVI è un gruppo di lavoro di 81 eurodeputati che si occupa di ambiente, salute pubblica e sicurezza alimentare. Un altro comitato rilevante è EMPL (occupazione e inclusione sociale).

Nel marzo 2011 il Parlamento europeo ha adottato la risoluzione Ridurre le disuguaglianze sanitarie nell'UE. Il documento sottolinea la necessità di:

  • rendere una più equa distribuzione della salute parte dei nostri obiettivi generali di sviluppo sociale ed economico;
  • migliorare i dati e le basi di conoscenza (inclusi misurazione, monitoraggio, valutazione e reporting);
  • costruire l'impegno nella società per ridurre le disuguaglianze di salute;
  • soddisfare le esigenze dei gruppi vulnerabili; e
  • sviluppare il contributo delle politiche dell'UE alla riduzione delle disuguaglianze sanitarie.

Istituzione dell'UE: camera del Parlamento europeo

Nel 2013 il Parlamento europeo ha pubblicato una relazione sul Impatto della crisi sull'accesso alle cure per i gruppi vulnerabili. Il rapporto evidenzia che le disuguaglianze nell'accesso alle cure sono aumentate a causa della crisi finanziaria che ha colpito l'UE nel 2011. Invita inoltre gli Stati membri a intraprendere azioni per affrontare questo problema.

Nel 2015 il Parlamento europeo ha adottato la risoluzione Ridurre le disuguaglianze con un'attenzione particolare alla povertà infantile. La risoluzione raccomanda di investire nell'educazione e nella cura della prima infanzia come misura per ridurre le disuguaglianze in giovane età e prevenire il rischio di povertà ed esclusione in età adulta. Ciò pone le basi per un apprendimento permanente, l'integrazione sociale e l'occupabilità di successo.

Nel 2021, un rapporto su Ridurre le disuguaglianze con un'attenzione particolare alla povertà lavorativa è stato adottato. Ha raccomandato azioni nel campo degli alloggi (sociali) sani e convenienti, della salute e della sicurezza sul posto di lavoro, compresa la prevenzione degli infortuni sul lavoro e dei problemi di salute mentale, della salute e della protezione sociale dei lavoratori essenziali.


Il Consiglio europeo e il Consiglio dell'Unione europea

Istituzione dell'UE: Consiglio dell'UE e Consiglio europeo

Il progetto Consiglio europeo è l'istituzione dell'UE che definisce la direzione e le priorità politiche generali dell'Unione europea. Il suo ruolo è dare impulso allo sviluppo dell'UE, ma non esercita alcuna funzione legislativa. Il consiglio rappresenta i governi degli Stati membri. I capi di Stato o di governo degli Stati membri, insieme al suo Presidente e al Presidente della Commissione.

Il progetto Consiglio dell'UE (spesso indicato come il "Consiglio") rappresenta i governi degli Stati membri. È qui che i ministri nazionali di ciascun paese dell'UE si incontrano per adottare leggi e coordinare le politiche. Il Consiglio dell'UE ha cinque ruoli principali:

  1. Negoziare e adottare le leggi dell'UE
  2. Coordinare le politiche degli stati membri
  3. Sviluppare la politica estera e di sicurezza comune dell'UE
  4. Concludere accordi internazionali
  5. Adotta il bilancio dell'UE

Le risoluzioni, le dichiarazioni e le conclusioni del Consiglio sono adottate dopo un dibattito durante una riunione del Consiglio. Sebbene non intendano avere effetti legali, sono solitamente utilizzati per esprimere posizione o impegno politico. Il Consiglio dell'UE ha affrontato le disuguaglianze sanitarie in diverse conclusioni negli ultimi anni, anche in diversi settori politici.

Presidenze del Consiglio dell'UE

La presidenza del Consiglio ruota tra gli Stati membri dell'UE ogni sei mesi. Il paese che detiene la presidenza ha la responsabilità di portare avanti i lavori del Consiglio sulla legislazione dell'UE e garantire la continuità dell'agenda politica, dei processi legislativi e della cooperazione tra gli Stati.

Sotto la presidenza, uno Stato membro stabilisce un programma di priorità da raggiungere.


 

La Banca europea per gli investimenti

Il progetto Banca europea per gli investimenti è l'istituto di prestito pubblico dell'Unione europea, i cui azionisti sono gli Stati membri dell'Unione europea. In breve, la BEI è la banca dell'Unione europea e quindi lavora a stretto contatto e sempre più con le altre istituzioni dell'UE per attuare la politica dell'UE. La BEI concede prestiti direttamente ai promotori di progetti (pubblici, privati, senza scopo di lucro) perlopiù superiori a 25 milioni di euro. Quando sono coinvolti prestiti minori, la BEI apre linee di credito per intermediari finanziari (spesso banche nazionali o regionali) che poi forniscono prestiti più economici alle imprese (pubbliche, private, no profit). Ciò avviene tramite il Fondo europeo per gli investimenti (FEI). La BEI è attiva nel settore sanitario, avendo - secondo le loro statistiche - contribuito a migliorare i servizi sanitari per 27.3 milioni di persone nel 2018. Lavorano su tre principi fondamentali che guidano la selezione dei progetti da finanziare:

  • Consentire l'accesso universale a servizi sanitari preventivi e curativi efficaci, sicuri e convenienti;
  • Fornire servizi sanitari sostenibili;
  • Progetti con il più alto valore economico atteso per la società, tenendo conto dei risultati e degli impatti, come i risultati sulla salute, la creazione di posti di lavoro e i guadagni sociali.

 

Istituzione dell'UE: costruzione della Banca europea per gli investimenti

 

Puoi trovare ulteriori informazioni su finanziamento e finanziamento qui.


 

Comitato economico e sociale europeo

 

Il progetto Comitato economico e sociale europeo (CESE) è un organo consultivo dell'UE che è la voce della società civile organizzata in Europa. È composto da rappresentanti delle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro e altri gruppi di interesse. Il CESE trasmette pareri sulle questioni dell'UE alla Commissione europea, al Consiglio dell'UE e al Parlamento europeo, fungendo così da ponte tra le istituzioni decisionali dell'UE ei cittadini dell'UE. In questo modo, offre ai gruppi di interesse un'opinione formale sulle proposte legislative dell'UE. Sono disponibili ulteriori informazioni sul ruolo e sui compiti del CESE qui.

Comitato europeo delle Regioni

Il progetto Comitato europeo delle regioni (CdR) è un organo consultivo dell'UE composto da rappresentanti eletti a livello locale e regionale provenienti da tutti i 27 Stati membri. Il CdR è la voce delle regioni e delle città dell'UE e dà loro voce in capitolo nel processo legislativo dell'UE. Ciò consente loro di condividere la loro opinione sulla legislazione dell'UE che ha un impatto diretto su regioni e città, assicurando che la posizione e le esigenze delle autorità regionali e locali siano rispettate. Sono disponibili ulteriori informazioni sui ruoli e sui compiti del CdR qui.

 

Corte dei conti europea

Il progetto Corte dei conti europea«La missione della (Corte dei conti europea) è contribuire a migliorare la gestione finanziaria dell'UE, promuovere la responsabilità e la trasparenza e agire come custode indipendente degli interessi finanziari dei cittadini dell'Unione.

 


 

La piattaforma delle politiche EuroHealthNet

La piattaforma politica di EuroHealthNet aiuta le organizzazioni a comprendere e anticipare i cambiamenti politici a livello europeo e ad aiutare a far sentire la loro voce sulla scena europea.

Per saperne di più sul lavoro della piattaforma e sull'appartenenza alla piattaforma visitate il nostro sito.


 

Premere Invio
Seguici
Su Facebook
Su Twitter
Su GooglePlus
Su Linkedin
Su Pinterest
Su Rss
Su Instagram

Il contenuto di questo sito Web è tradotto automaticamente dall'inglese.

Sebbene sia stato compiuto ogni ragionevole sforzo per fornire traduzioni accurate, potrebbero esserci degli errori.

La mappa interattiva e il glossario non possono essere tradotti in un'altra lingua.

Siamo spiacenti per l'inconveniente.

Iscriviti alla nostra mailing list

 

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare la richiesta. Per favore riprova.

Sarai iscritto alla newsletter mensile "Health Highlights" di EuroHealthNet che copre l'equità nella salute, il benessere e le loro determinanti. Per saperne di più su come trattiamo i tuoi dati, visita la sezione "privacy e cookie" di questo sito.

Iscriviti alla nostra mailing list

 

Ti sei iscritto con successo alla newsletter

Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare la richiesta. Per favore riprova.

Sarai iscritto alla newsletter mensile "Health Highlights" di EuroHealthNet che copre l'equità nella salute, il benessere e le loro determinanti. Per saperne di più su come trattiamo i tuoi dati, visita la sezione "privacy e cookie" di questo sito.